Salta al contenuto principale

Benessere digitale

Conoscere il digital wellbeing per integrare al meglio vita professionale e personale

Obiettivi

Diversi paesi hanno normato il rapporto tra lavoratori e connessione fuori dagli orari di lavoro ai sistemi aziendali, sancendo così la nascita del “diritto alla disconnessione”. Senza arrivare ad un intervento regolatorio, i singoli individui possono utilizzare strategie e metodi per ridurre lo stress causato dal sovraccarico informativo e digitale, sia per se stessi, sia per i team che guidano.

A chi è rivolto

A tutti i dirigenti che intendano conoscere ed applicare le migliori strategie per la costruzione dell’equilibrio digitale.

Può interessarti se la tua sfida è:

• Aumentare l’efficacia professionale riducendo distrazioni e carichi cognitivi
• Costruire e implementare un approccio al benessere digitale per il proprio team
• Gestire in maniera più efficace i carichi di lavoro senza farsi travolgere dai flussi informativi

I temi trattati

• Benessere digitale: definizione e caratteristiche.
• Equilibrio digitale: è possibile prendere il meglio dagli strumenti senza farsi fagocitare?
• 20+ metodi, applicazioni e tattiche per ridurre il sovraccarico.

DOCENTE

ANDREA LATINO

Con più di 6 anni di esperienza in vari settori, si occupa dell’intersezione tra business, policy ed innovazione. CEO di Leviathan, knowledge company specializzata in consulenza strategica, technology deployment, formazione e ricerca per la Trasformazione Digitale; contributor del Sole 24 Ore e consigliere politico. Precedentemente ha collaborato con imprese multinazionali (Microsoft, Intel, Altea), enti governativi (Presidenza del Consiglio, Camera dei Deputati), eccellenze accademiche (SDA Bocconi), pubblicazioni nazionali (Wired, De Agostini) e brillanti startup (Garage Italia Customs). Membro dei Global Shapers, il gruppo di eccellenze under 30 del World Economic Forum, ambassador italiano di Audi per il programma “Innovative Thinking” e scelto da Repubblica tra i “20 millennial italiani capaci di cambiare il mondo”.