Salta al contenuto principale

Smart Analytics

Come diventare un’azienda Data driven

Obiettivi

Con l’aumento esponenziale della quantità di dati disponibili relativi al proprio business, le aziende si stanno indirizzando verso soluzioni sempre più sofisticate per estrarre dai dati informazioni utili a migliorare i processi decisionali.  Diventare così un’azienda “data driven” sembra ormai la strada obbligata migliorare la qualità del customer service, le strategie di marketing e per ottimizzare la supply chain.

I tre termini si associano più spesso a questo modo innovativo di usare i dati si sovrappongono in quest’ambito sono “recommendation”, “prediction” e “prescription”. Molte volte, questi tre termini si sovrappongono e si confondono anche se fanno riferimento a obiettivi, strumenti ambiti applicativi che possono anche essere molto diversi tra loro.

Obiettivo di questo seminario è introdurre attraverso esempi e un linguaggio adatto anche ai non “tech savy” i concetti di base della smart data analysis.

A chi è rivolto

A tutti i business manager, anche senza un background informatico, che vogliano comprendere come la corretta applicazione di strumenti di smart analysis per comprendere meglio i comportamenti e i bisogni dei propri clienti possa aiutare l’azienda a prendere le decisioni giuste al momento giusto.

I temi trattati

Contesto: big data e machine learning

Dalla descriptive analytics alla prescriptive analytics

Esempio: Marketing automation

Esempio: Testing dei prodotti digitali

Esempio: ttimizzazione dei sistemi di prenotazione

Stato dell’arte e limiti

Riferimenti per approfondimenti.

DOCENTE

PAOLO FERRARA

Lavora nel mondo dell’ICT da molti anni e ha ricoperto ruoli di CIO e di CTO per diverse aziende del settore pubblico e di quello privato, occupandosi di innovazione digitale e di progettazione di prodotti e servizi innovativi B2C basati sullo stato dell’arte delle tecnologie digitali. Ha svolto inoltre attività di ICT management consulting presso importanti aziende italiane di diversi settori (automobilistico, energetico, telecomunicazioni, trasporti), occupandosi tra l’altro di assessment di organizzazioni e infrastrutture ICT.

È stato docente di “Design delle interfacce” presso la facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano Bicocca. Ha progettato e diretto numerosi seminari di formazione professionale sui temi della IT leadership e delle Competenze digitali e della progettazione della User Experience.

Corsi correlati