Salta al contenuto principale

Come i cerchi nell'acqua: in che modo "ci propaghiamo"?

I temi trattati

L’immagine dei cerchi nell’acqua si riferisce al fatto che ciascuno di noi crea, spesso senza un intento consapevole e senza rendersene conto, dei cerchi concentrici di influssi che a loro volta possono influenzare gli altri per anni, persino per generazioni. Vale a dire che l’effetto che abbiamo sulle altre persone viene a sua volta passato ad altri, proprio come i cerchi nell’acqua di uno stagno continuano a svilupparsi finché non sono più visibili, anche se il movimento persiste a un livello impercettibile. Ma non si tratta di lasciare la memoria della propria immagine o il proprio nome, “I cerchi nell’acqua, come li intendo io, si riferiscono invece all’idea di lasciare dietro di sé qualcosa dell’esperienza della propria vita, un qualche tratto, un frammento di saggezza, una guida, una virtù, una consolazione che viene trasmessa ad altri, conosciuti o ignari”.
Per un manager questa consapevolezza porta ad assumere una responsabilità positiva e ed affrontare i grandi cambiamenti con serenità.

Lecture a cura di

GUIDO CARLO ALLEVA

Allievo prediletto del grande giurista di fama internazionale Alberto Crespi, Alleva è fondatore dello studio Alleva & Associati, riconosciuto come una realtà di riferimento nel settore del diritto penale societario, dei reati dei mercati finanziari, del diritto penale tributario, dei reati contro la pubblica amministrazione e corruzione internazionale, reati di bancarotta, reati ambientali, responsabilità penale colposa. Negli ultimi 30 anni ha curato l’assistenza e difesa per società italiane e straniere e persone fisiche in alcune delle più rilevanti vicende giudiziarie nazionali e internazionale. Alleva è anche produttore di vini e la sua azienda agricola è stata premiata dal Gambero Rosso come migliore cantina emergente del 2020. È appassionato di botanica e nel tempo libero disegna giardini. Umanista, con l’amore per la musica, mette passione in tutto quello fa.

Coordinatore

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, approccio che ha applicato alle organizzazioni per promuovere “leading by-heart”, un nuovo modello di leadership inclusiva e creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 è membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e dirige il progetto Casa dei saperi, un luogo di apprendimento continuo e scambio pluri-disciplinare tra e con i millennial sul tema delle nuove utopie applicate alla vita e al lavoro. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza con le persone nelle imprese, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorni di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19.

Valeria Cantoni introduce l'ospite

Come i cerchi nell'acqua: in che modo "ci propaghiamo"?

Guarda il video

Corsi correlati