Salta al contenuto principale

Effetti economici della pandemia Covid-19: nuovi equilibri economici globali e politiche economiche per la ripresa

Premessa

Il percorso è rivolto a Managers e imprenditori interessati a individuare in modo strutturato quali saranno i nuovi scenari economici a tutti i livelli dell’attività produttiva, dalla domanda per i propri prodotti alle condizioni del mercato del lavoro, dalla evoluzione dei mercati esteri a quella dei mercati nazionali

OBIETTIVI:

- Valutare, con l’aiuto di un modello macroeconomico, il ruolo di politiche economiche nazionali e sovranazionali per fronteggiare gli effetti di lungo periodo della pandemia, e in particolare:

- Il ruolo della spesa pubblica per contrastare gli effetti negativi dell’aumento dei risparmi privati: esempi di intervento di spesa pubblica efficaci

- Il ruolo delle banche centrali quando i tassi continuano a cadere e la deflazione avanza

- Affinare la capacità di identificare gli effetti economici in ‘da offerta’ e ‘da domanda’, in modo tale da poter analizzare tali effetti sulla unità di analisi di maggior interesse:  un’impresa, un settore produttivo, una catena globale di produzione, un paese o una regione del mondo

- Acquisire una certa familiarità con i centri, pubblici e privati, di raccolta e pubblicazione dei dati macroeconomici

- Sviluppare la capacità di ‘ragionare per scenari’

I temi trattati

- Valutazione della capacità del mercato di riavviare l’attività economica in un quadro di stagnazione di lungo periodo

- Evoluzione del reddito delle famiglie e dei loro risparmi

- La maggiore competitività delle imprese (1/2): trasformazioni nel processo produttivo

- La maggiore competitività delle imprese (2/2): le trasformazioni nel mix di prodotti

- Il ruolo della spesa pubblica per contrastare gli effetti negativi dell’aumento dei risparmi privati: esempi di intervento di spesa pubblica efficaci

- Il ruolo delle banche centrali quando i tassi continuano a cadere e la deflazione avanza; o è l’inflazione, ad avanzare?

 

Metodo

Porzioni di lezione frontale intervallate da discussioni attive sui temi in programma ti ed altri, connessi, di interesse dei convenuti

DOCENTE

FABIO SDOGATI

Professore di Economia Internazionale presso il Mip, Politecnico di Politecnico di Milano Graduate School of Business. Ha conseguito la laurea in Scienze politiche (Roma 1974), il Master of Science (1983) e il Ph. D. (Economics, 1986) presso la University of Wisconsin-Madison. Ha insegnato negli Stati uniti, ed è stato Jean Monnet post-doctoral Fellow presso l’Istituto Universitario Europeo di Fiesole. È rientrato in Italia nel 1990 come ricercatore presso il Politecnico di Milano; è stato quindi Professore Associato di Economia Monetaria e Creditizia presso l’Università di Parma, ed è tornato al Politecnico nel 1996. È stato a lungo membro del Comitato di Gestione del Mip, dove è tuttora Director, Public Lectures Program. Tra i temi della sua ricerca vi sono le determinanti della competitività internazionale delle imprese, gli effetti della frammentazione internazionale dei processi produttivi, le determinanti del ruolo di valuta di riserva. Studia l’evolvere della stagnazione presente dal suo inizio, nell’estate 2007. Attualmente studia gli effetti economici dello shock sanitario a livello globale. Le sue attività di ricerca hanno ricevuto il supporto della Commissione europea, della Miles Foundation, dell’Istituto Universitario Europeo di Fiesole, del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica, del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

 

Corsi correlati