Salta al contenuto principale

Manager coraggiosi per tempi incerti

Obiettivi

"Quelli che rinunciano sono più numerosi di quelli che falliscono."
Henry Ford

Le persone tendono ad essere più coraggiose a livello personale che non professionale. Nella sfera privata prendiamo un’infinità di decisioni coraggiose. Nella sfera professionale l’istinto naturale al coraggio viene spesso bloccato dalle dinamiche organizzative stringenti o da dinamiche sociali, come la paura di ricevere reazioni avverse, di non avere il consenso del capo o del gruppo, di restare una voce fuori dal coro, isolata. Il coraggio invece nelle organizzazioni è uno strumento di crescita e sono proprio quelle voci in sottofondo che hanno bisogno di accendersi ed emergere.

La nostra mente spesso ci limita e lascia spazio a paure inconsce, false certezze, narrazioni che non hanno nulla di reale ma che nel tempo si sono stratificate fino a divenire la realtà.

Come attivare se stessi e i propri team a sentirsi coraggiosi e confidenti a superare avversità e aprire nuove possibilità?

Il percorso

Il percorso formativo si compone di 3 appuntamenti da 3 ore, consigliamo la partecipazione a tutti gli incontri in programma.

I temi trattati

  • Il coraggio di chiedere aiuto e superare le paure
  • Team coraggiosi e nuovi modi di lavorare
  • Dare spazio ai trendsetter: il coraggio di cambiare le regole del gioco

DOCENTI

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, approccio che ha applicato alle organizzazioni per promuovere “Leading by heart”, progetto formativo per una leadership inclusiva che sa creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 è membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e dirige il progetto Casa dei Saperi, un luogo di apprendimento continuo e scambio pluri-disciplinare tra e con i millennial sui tema della contemporaneità tra vita e lavoro. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza di formatrice con i manager, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorno di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19.

PAOLO ANTONINI

Nel gennaio 2016 fonda ArtsFor_ con Valeria Cantoni e Camilla Invernizzi. Nel 2008 entra in Trivioquadrivio dove si è occupato di apprendimento organizzativo e di ideazione di progetti di comunicazione su base nazionale e internazionale e festival culturali sul territorio. In ambito formativo progetta programmi formativi anche attraverso l’ideazione di Art Based Programs che utilizzano cinema, teatro, musica e arti figurative come strumenti formativi in contesti business. È ideatore del metodo Mind Fitness, dedicato all’apprendimento organizzativo attraverso la lettura di opere d’arte contemporanea. È facilitatore certificato della metodologia Lego Serious Play. È socio fondatore dell’associazione Art For Business.