Salta al contenuto principale

Mindset da Campioni

Obiettivi

Cosa ci spinge a dare il meglio di noi stessi? Quali sono le leve motivazionali da muovere per ottenere le migliori performance dalle persone con cui lavoriamo? Cos'è veramente la motivazione, come possiamo trovarla dentro di noi e farla trovare agli altri?

“Chi ha un Perché abbastanza forte, può superare qualsiasi Come”

Questo “Perché” di cui parla Nietzsche nel suo celebre aforisma, il motivo per fare un’azione (motiv-azione) dove e soprattutto come possiamo trovarlo? Partendo da un presupposto fondamentale, quello per cui c’è sempre una buona ragione per essere e dare il meglio di noi stessi in qualunque cosa facciamo.

Nello sport la Motivazione fa spesso la differenza tra un buon giocatore ed un campione.

Avere un Mindset programmato al successo, ci permette di raggiungere più facilmente gli obiettivi personali e professionali.

In questo workshop raccontiamo i segreti per programmare la propria mente ad avere Mindset e Motivazione vincenti.

Grazie al racconto della sua ventennale carriera di successo come giocatore di  basket ed attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla sua attuale professione di mental coach, Riccardo Pittis ci spiegherà come ottenere Motivazione e Mindset da campioni.

I temi trattati

La natura della Motivazione
Come programmare la nostra mente 
La regola delle 3 L di D. Peterson

Avere un obiettivo vs Avere uno scopo
Trovare il proprio Perché
La Comunicazione interna
La tecnica del 3%

DOCENTE

RICCARDO PITTIS

Uno dei più forti cestisti di tutti i tempi, Riccardo entra nelle giovanili dell’Olimpia Milano, dove esordisce nella massima serie nel gennaio 1985, in una squadra in cui i suoi Maestri sono degli autentici mostri sacri del basket come Mike D’Antoni, Dino Meneghin, Bob McAdoo e Dan Peterson come allenatore. Nelle otto stagioni con Milano vince 4 Scudetti, 2 Coppe Italia, 2 Coppe Campioni, 1 Coppa Intercontinentale, 1 Coppa Korac e diventa capitano della squadra, succedendo a Mike D’Antoni, nel 1990. Nel 1993 si trasferisce a Treviso nella Benetton Basket dove gioca 11 stagioni vincendo 3 Scudetti, 5 Coppe Italia, 2 Coppe Saporta e 3 Supercoppe. Finisce la sua carriera nel 2004 nella Benetton, risultando ad oggi il secondo giocatore più vincente della storia del basket italiano dietro a Dino Meneghin. Ha indossato 118 volte la maglia della Nazionale Italiana tra il 1989 ed il 1997, vincendo due medaglie d’argento agli Europei del ’91 e del ’97 ed una medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo nel ’93. Detiene il record assoluto di tutti i tempi di palle recuperate ed il 2° posto assoluto nella classifica degli assist. Ha giocato 685 partite senza mai saltarne una! A circa trent'anni, a causa di un problema ai tendini della mano destra, da destrimane è riuscito a diventare mancino, giocando altri 4 anni ed ottenendo buoni risultati. Terminata la carriera diventa telecronista di Sky, Team Manager della Nazionale Italiana di basket e in seguito commentatore tecnico e opinionista del campionato italiano e della Fiba Champions League per la Rai.

Nel 2013 diventa mental coach, sua attuale professione. Grazie a questa svolta, Riccardo ha la possibilità di raccontare la sua esperienza sportiva attraverso le dinamiche che accomunano lo sport e il management - leadership, team building, motivazione, cambiamento, performance, gestione dello stress – per citarne solo alcune.  In questi anni ha lavorato con numerose aziende italiane ed estere e con professionisti e manager, aiutandoli nella loro crescita e nel raggiungimento dei propri obiettivi, personali e di squadra.

Corsi correlati

Team Empowerment

Il Cambiamento vincente

Team Empowerment

Leader di Squadra