Salta al contenuto principale

COMPETE. Sfide e strategie per rilanciare la competitività

Nel giugno del 2020 è stato pubblicato COMPETE, il primo report dell’Osservatorio sulla Competitività delle Imprese del Terziario. L’Osservatorio è nato da una collaborazione tra il CFMT e l’Institute for Entrepreneurship and Competitiveness dell’Università LIUC, per fornire strumenti validi ed efficaci alle imprese per capire, prevedere e quindi agire con successo nel proprio contesto di riferimento.

Soprattutto in questo momento di profonda crisi e trasformazione alcune delle domande più frequenti che ci poniamo sono:

  • Si può essere competitivi nonostante le enormi e, a tratti, imprevedibili sfide che ci circondano?
  • Si può avere successo in un momento di profonda crisi ed incertezza come quello che stiamo vivendo oggi?

 

Le analisi condotte possono fornirci spunti interessanti su come poter comprendere meglio il mercato e il contesto nella sua imponente evoluzione e volatilità. Questa crisi senza precedenti ha contribuito ad accelerare il cambiamento di tendenze già emerse nel passato, e che alcune imprese, attraverso sguardi visionari e lungimiranti hanno cavalcato per sviluppare la propria competitività in un mercato che arranca, che fatica a risollevarsi, e che fornisce un contesto tutt’altro che favorevole allo sviluppo delle sue imprese.

Oggi il mercato richiede sicuramente un profondo sforzo di adattamento delle strategie e dei business model ai trend in atto, alle crisi di domanda e di offerta che stiamo vivendo, ai nuovi modelli e bisogni sociali ed umanitari emergenti, ma spesso è nel cambiamento stesso che risiedono le vere opportunità. Il cambiamento può essere un’occasione per implementare radicali innovazioni, grazie alla visione di imprenditori e imprenditrici luminari. Proprio perché il futuro è fatto da tutti quei manager che si trovano costantemente a dover affrontare sfide imprevedibili e difficoltà crescenti che solo con la vera passione e le giuste competenze possono essere affrontate e superate.

L’Osservatorio ha quindi voluto studiare il livello competitivo delle imprese italiane al fine di sviluppare e offrire ai manager e agli imprenditori nuovi strumenti e soluzioni pratiche per poter essere in grado di anticipare e affrontare le nuove tendenze e i cambiamenti in atto nello scenario economico e sociale nazionale ed internazionale, ed agire con efficacia sulla produttività del nostro Paese.

I risultati dell’indagine ci hanno permesso di individuare le aree più critiche in tema di competitività e di identificare possibili programmi d’azione per ripristinare la vitalità dell’economia del nostro Paese. La survey ha indagato le percezioni e le esperienze di imprenditori e manager, quotidianamente coinvolti in prima linea in decisioni strategiche e operative aziendali.

Case studies

Sono state analizzate le performance delle imprese ipercompetitive e delle startup che operano nel mercato dei servizi in Italia, al fine di offrire a manager e imprenditori soluzioni pratiche e insights sugli approcci operativi e strategici di successo.

Un esempio dei trends che si stanno affermando nel panorama e che vengono analizzati nel libro:

 

  • Trend “Better Business
  • Questo megatrend è guidato da quelle aziende che stanno includendo pratiche commerciali etiche, sostenibili e responsabili: un numero sempre maggiore di aziende sta cercando di adottare autentiche strategie ambientali, ridefinendo percorsi di business innovativi. Si sono affermate le nuove esigenze dei consumatori, incentrate sul valore sociale o ambientale. In questo contesto le aziende devono cercare di allontanarsi dal classico modello economico “take, make and dispose” in favore di un approccio più “circolare”.

 

  • Trend “digital organization
  • In tutti i settori le aziende tradizionali stanno affrontando un percorso di trasformazione digitale che non si limita alla sola “digitalizzazione” dei processi esistenti. I cambiamenti indotti dal digitale nella società, nei comportamenti d’acquisto, nei modelli competitivi, richiedono alle aziende di ripensare e innovare in maniera sostanziale i propri modelli di business. La concorrenza si gioca a livello di ecosistema e non più di singole imprese: si ha oggi una shared economy in cui le imprese possono far leva sulle proprie risorse scarse grazie alla possibilità di accedere alle risorse di altre imprese. Nei prossimi anni, sempre più imprese abbandoneranno il tipico modello “technology first” per adottare invece un modello “customer first”.

 

  • Trend “future of work
  • Nello stesso momento in cui la digital transformation sta rivoluzionando il panorama imprenditoriale globale, le organizzazioni di successo del futuro saranno probabilmente quelle che riusciranno a muoversi più velocemente, adattarsi più velocemente, imparare più rapidamente e adottare percorsi di carriera dinamici. Mentre negli ultimi anni alcune organizzazioni sono già riuscite a modificare radicalmente le modalità in cui operavano, altre restano ancorate a modelli ormai superati, ereditati dall’era industriale del secolo scorso.
  • Quando si parla di “future of work” si parla principalmente di due trend in atto:
  • l’impatto di artificial intelligence, automation e tecnologie digitali sull’organizzazione del lavoro e sull’occupazione;
  • la struttura operativa delle imprese che sta profondamente mutando verso strutture sempre più flessibili e agili.

Osservatorio Competitività

L’Osservatorio, nato su volontà del CFMT- Centro Formazione Management del Terziario, intende monitorare la competitività di imprese e cluster operanti in Italia nell’ampio e diversificato settore del terziario, offrendo loro strumenti, soluzioni e benchmark competitivi nonché occasioni di knowledge sharing e proposte formative.