Salta al contenuto principale

Emozioni al lavoro

Dialogo tra Giuseppe Primerano e Umberto Galimberti

Contenuti

Il manager si trova a gestire un ruolo con doppia valenza: DOWN nel raggiungere obiettivi e risultati, UP nel dover indirizzare e gestire chi dipende da lui.

Tale ruolo, forse più di altri, può trarre beneficio da uno strumento psicologico adeguato alla complessa situazione emergenziale che richiede un impegno e sforzo quotidiano (pandemia, crisi, precarietà, smart working ecc. ecc...)

Tale professionalità si trova a dover gestire relazioni complesse a diversi livelli (Azionisti, Direzione, Colleghi, Collaboratori, ecc.), ciò rende necessario oltre alle competenze e conoscenze tecniche l’acquisizione di strumenti che consentano una maggior comprensione a livello psicologico.

Nella pratica quotidiana la mentalità corrente è centrata prevalentemente sull’efficienza, sulla rapidità, sulla sicurezza di ottenere il risultato.

Tutto ciò ostacola il raggiungimento del benessere proprio e altrui: il rischio è di essere generatori di STRESS e al tempo stesso di subirne gli effetti negativi.

Intervista

GIUSEPPE PRIMERANO

Psicologo e psicoterapeuta. Coordinatore del team di professionisti dedicati al servizio SOS Manager di Manageritalia Lombardia

Ospite

UMBERTO GALIMBERTI

Umberto Galimberti, è stato professore ordinario di antropologia culturale, filosofia della storia, psicologia generale e psicologia dinamica all’Università Cà Foscari di Venezia. Dal 1985 è membro ordinario dell'International Association of Analytical Psychology. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore dal 1986 al 1995, e dal 1995 a oggi collabora con Repubblica. Tra le sue pubblicazioni più significative, tutte edite da Feltrinelli, ricordiamo: Il tramonto dell’Occidente nella lettura di Heidegger e Jaspers (1975-1984), Psichiatria e fenomenologia (1979), Il corpo (1983), Gli equivoci dell'anima (1987), Psiche e techne. L'uomo nell'età della tecnica (1999), I vizi capitali e i nuovi vizi (2003), Le cose dell’amore (2004), La casa di psiche. Dalla psicoanalisi alla pratica filosofica (2005). L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani (2007), I miti del nostro tempo (2009), Cristianesimo. La religione dal cielo vuoto (2012), Paesaggi dell'anima (2017), La parola ai giovani. Dialogo con la generazione del nichilismo attivo (2018). Perché. Cento storie di filosofi per ragazzi curiosi (2019). E’ inoltre autore unico del Nuovo dizionario di psicologia, psichiatria, psicoanalisi, neuroscienze (2018). Heidegger e il nuovo inizio. Il pensiero al tramonto dell’Occidente (2020).