Salta al contenuto principale

Identita' o appartenenza?

Contenuti

A partire dai best seller l’Arminuta e Borgo Sud, l’incontro vuole indagare e interrogare la linea sottile tra identità e appartenenza, tra ciò che siamo e ciò con cui ci siamo entrati in relazione, con cui abbiamo convissuto e che incontrato nel tempo. Simao noi ma apparteniamo a molti mondi . Come tenere insieme questo anche nel lavoro? Un racconto ricco di emotività e umanità con Donatella Di Pietrantonio, alla ricerca della chiave di lettura del nostro passato che ci permetta di accoglierlo e accettarlo. Cambiare traiettoria, dalla fuga all’avvicinamento, permette di riconoscersi come individui dalle molteplici appartenenze, ma anche di disegnare i confini della propria identità, di ciò che si vuole essere.

Coordinamento

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, ha creato “Leading by heart”, progetto e metodo formativo per una leadership inclusiva che sa creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 al 2021 è stata membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e diretto il progetto Casa dei Saperi. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza di formatrice con i manager, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorno di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19 che le ha permesso di scrivere due libri: “Lingua, estetica della soglia” (Fefé editore 2021) e “Leadership di cura, dal controllo alle relazioni” (Vita e Pensiero 2021)

Ospite

DONATELLA DI PIETRANTONIO

Nata a Arsita in provincia di Teramo nel 1963. È Residente a Penne, in Abruzzo, si è poi trasferita a l'Aquila nel 1986 dove si è laureata in Odontoiatria per esercitare la professione di dentista pediatrico. Ha esordito con il romanzo Mia madre è un fiume (Elliot 2011, Premio Tropea). Due anni dopo ha pubblicato il suo secondo romanzo, Bella mia, con il quale è stata candidata al Premio Strega e nel 2014 ha vinto il Premio Brancati. Ha pubblicato il suo terzo romanzo nel 2017, L’Arminuta con il quale ha vinto il Premio Campiello e il Premio Napoli e che è diventato un film con la regia di Giuseppe Bonito. Il seguito del romanzo, Borgo Sud, pubblicato nel 2020, è arrivato secondo al Premio Strega 2021.