Salta al contenuto principale

La sindrome dell'impostore

Perchè non ci autorizziamo al successo?

Contenuti

Non mi sento abbastanza, non sono all’altezza, questa volta mi è andata bene solo perché ho avuto fortuna. Dal libro "Pensavo di essere io... invece è la Sindrome dell’Impostore", un dialogo sulla percezione di sé rispetto alle proprie capacità nel lavoro e nella vita. La sindrome dell’impostore è un bias cognitivo che spinge le persone ad attribuire a cause esterne i propri successi: la fortuna, il caso, una coincidenza. In particolare l’universo femminile, soprattutto quando opera in settori a predominanza maschile, manifesta questa sensazione di non essere mai all’altezza. Non si tratta di un fattore isolato, si stima infatti che il 70% delle persone ne abbiano fatto esperienza almeno una volta nella vita. Con Florencia Di Stefano-Abichain scopriremo il risvolto positivo di prendere consapevolezza di questo automatismo e capiremo dalla sua esperienza diretta come si può passare da essere auto-sabotatori ossessionati da quello che gli altri pensano di noi a persone che osano, si sentono capaci e si autorizzano a darsi voce. 

Coordinamento

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, ha creato “Leading by heart”, progetto e metodo formativo per una leadership inclusiva che sa creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 al 2021 è stata membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e diretto il progetto Casa dei Saperi. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza di formatrice con i manager, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorno di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19 che le ha permesso di scrivere due libri: “Lingua, estetica della soglia” (Fefé editore 2021) e “Leadership di cura, dal controllo alle relazioni” (Vita e Pensiero 2021)

Ospite

FLORENCIA DI STEFANO-ABICHAIN

Argentina d’origine e veronese d’adozione. Ha alle spalle una carriera iniziata molto presto come digital manager nelle multinazionali della moda.Poliedrica, ambiziosa e sempre in movimento, oggi vive a Milano e lavora come content creator, autrice, traduttrice, speaker, podcaster, conduttrice radiofonica e televisiva. Perfettamente a suo agio sui social, è seguita e spesso scelta come consulente dal mondo degli influencer e dei brand. Diffonde tematiche sociali, tra cui la parità di genere, l’inclusione sociale, l’attenzione all’ambiente e la body positivity. "Pensavo di essere io... invece è la Sindrome dell’Impostore" è il suo primo libro.