Salta al contenuto principale

Le buone decisioni che migliorano le performance

Obiettivi

La vita lavorativa ci pone in continuazione di fronte a decisioni: non soltanto le “grandi” decisioni tattiche o strategiche, ma anche le micro-decisioni che si susseguono ogni pochi minuti: in che ordine affrontare l’agenda? Quando scrivere un’email? Quanto tempo dedicare a preparare una presentazione?
La performance di un professionista dipende da quante buone decisioni prende. Perdere tempo, perdersi in dettagli, procrastinare, sono tipici esempi di cattive decisioni che portano a diminuzione della performance. Perché si verificano? Può sembrare la classica domanda da un milione di dollari, eppure, negli ultimi anni, l’Economia Comportamentale ha formulato una risposta, osservando il problema “una decisione alla volta”. Ciascuna micro e macro-decisione può essere analizzata e compresa, identificando i bias che la influenzano e i giusti strumenti di debiasing per disinnescarli.

L’incontro fornirà un modello per identificare ed interpretare i bias che influenzano negativamente la performance di un professionista (che sia il diretto interessato o una persona del suo team) ed un metodo per realizzare interventi di architettura delle scelte che disinneschino i bias e producano decisioni migliori nel contesto lavorativo.

A chi è rivolto

L'incontro è studiato per rivolgersi a tutti quei manager che abbiano voglia di mettersi in gioco, di confrontarsi con le esperienze dei colleghi e di trarre beneficio dal un incontro stimolante e partecipativo che promuove fortemente lo scambio di conoscenze e punti di vista.

Un'occasione nuova e stimolante per fare networking e al contempo acquisire strumenti preziosi ed efficaci nella propria quotidianità professionale: numerosi saranno gli input, le suggestioni, i contributi che ogni partecipante potrà mettere a disposizione del gruppo, alimentando così un'esperienza unica di condivisione, scambio reciproco e collaborazione tra colleghi.

I temi trattati

Durante l’incontro, centrato sulla presentazione e discussione condivisa di casi significativi, si tratteranno diversi argomenti tra cui:

  • Decisioni e performance: le tessere di un puzzle (esercitazione su canvas condiviso)
  • Tassonomia dei bias che affliggono le decisioni. Identificarli e comprenderne la funzione
  • Evitamento, procrastinazione, inefficienza. Le tre grandi barriere alla performance
  • I livelli di intervento in Architettura delle Scelte come metodo per progettare interventi
  • Casi di studio e di approfondimento
     

DOCENTE

FRANCESCO POZZI

E' psicologo e analista del comportamento. Dopo aver conseguito un dottorato in Interazioni Umane e un Master in Analisi del Comportamento, il suo interesse e le sue pubblicazioni si sono concentrate in particolare negli ambiti delle tecnologie per l’apprendimento, dell’Organisational Behavior Management e della Behavioral Economics. Attualmente è docente a contratto di Behavioral Economics all’Università IULM di Milano e amministratore di IESCUM, Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano (www.iescum.org). È consulente scientifico presso Ogilvy Italia, segretario di SIACSA, Società Italiana degli Analisti del Comportamento, co-fondatore del gruppo di ricerca Nudge Italia (www.nudgeitalia.it), e co-fondatore di a Better Place, una startup che si occupa di behavioral transformation per progetti di benessere e sostenibilità. Svolge attività di ricerca, formazione e consulenza sui temi dell’architettura delle scelte e del nudging.