Salta al contenuto principale

Mettiamoci la testa

Convivio culturale partecipato, per fare futuro

Questa attività fa parte dei learning path:
Metamorfosi

Il contesto

Basta parlare dell’importanza del pensiero critico, mettiamolo in atto! Il contesto di forte incertezza che stiamo vivendo può bloccare o essere foriero di grandi opportunità. A patto di farsi le giuste domande!


Un nuovo format che parte dal principio che ogni trasformazione del mondo deve essere accompagnata da una trasformazione del mindset partendo proprio dalla capacità di mettere il pensiero al servizio del proprio lavoro e ruolo.


I manager hanno ascoltato  tanti guru negli ultimi due anni che hanno detto tutto e il contrario di tutto. Ora è venuto il momento di mettere la propria testa su grandi e piccole domande da condividere in modo ludico con altri manager che abbiano il desiderio di praticare l’arte della condivisione. Partendo da alcuni concetti chiave che sono stati sottolineati nella loro importanza dalla pandemia, esploreremo grazie a un set di carte alcune parole che sono al centro del pensiero filosofico e sociologico per lanciare conversazioni di qualità tra i manager. 


Puntiamo sul patrimonio di intelligenza, esperienza, curiosità e senso critico dei manager che, sollecitati da domande urgenti e stimolanti, possono cercare alcune risposte e riflessioni per il mondo, il mercato, il lavoro e la vita che si trasformano. I filosofi del passato e del presente saranno un dispositivo da cui lanciarsi in riflessioni da cui si esce con idee condivise.

Introduzione

Il percorso

Tre conversazioni per tre macro temi Incertezza, cura e performance declinati in domande a cui provare a dare risposta accompagnati dalla sollecitazione di pensatori del passato e del presente, da Platone ad Martin Heidegger, da Simone Weil ad Anna Harendt, da Byung-Chul Han a Nassim Taleb, da Francois Jullien a Miguel Benasayag. 

La classe manageriale può giocare un ruolo da protagonista verso un reale cambiamento.  Esercitando un approccio che non subisce l’incertezza, ma che lavora sulla difficoltà a proporre una visione, su differenti forme di leadership e sulla creazione di strumenti per comprendere un presente sempre più sfuggente e complesso

Offrire uno spazio per guardare oltre e ispirare collettivamente una nuova idea di leadership costruita attraverso il dialogo tra pari. Essere leader oggi comporta un cambio di visione, un osservarsi e osservare da differenti punti di vista. Per alzare la testa e cominciare a riflettere assieme sul futuro, apprendere dal passato e avere un atteggiamento e una visione più ampi.