Salta al contenuto principale

E se Sbaglio?

Obiettivi

Da un po’ di anni si parla molto dell’importanza di sviluppare una cultura dell’errore nelle organizzazioni. Certo, razionalmente, è difficile essere in disaccordo con le argomentazioni che la sostengono. Se andiamo però ad esaminare la realtà più da vicino ci rendiamo conto di come sia difficile per i gruppi ed i collettivi creare culture veramente tolleranti e disposte ad accogliere gli errori. Non avrà, anche questo, a che fare con i bias?

Il seminario vi permetterà quindi di:

  • Approfondire i bias di gruppo e collettivi che impediscono di accogliere gli errori come fonti di apprendimento
  • Riflettere sulle resistenze di gruppo all’”unlearning”
  • Esplorare piste e strumenti per superare queste resistenze

Metodologia didattica

La metodologia sarà ludica ed interattiva, basata su esempi e casi pratici.

I temi trattati

- Il concetto di rischio ed i bias ad esso legati, in relazione alla possibilità di sbagliare, con particolare riguardo per le situazioni collettive, sia di gruppo che dell’intera organizzazione.

- Alcuni dei bias su cui lavoreremo: status quo bias, groupthink, avversione al rischio, bias di stabilità e di struttura, bias di secondo livello (o sistemici)

Esempi e casi pratici 

DOCENTE

SILVIA GOLLINI

Consulente, formatrice, coach, Silvia co-dirige Nexus, società di consulenza con sede a Parigi, con la quale accompagna multinazionali e medie imprese su temi di Inclusion & Diversity,  Leadership & Management. 

E’ inoltre Direttrice della Fondazione BET SHE CAN, che si occupa di sviluppare progetti affinché le future generazioni crescano libere da stereotipi di genere.

Da una decina di anni è visiting lecturer della Business School ESSEC di Parigi e Faculty del programma Coming Into Your Own per lo sviluppo della leadership delle donne.

Tiene regolarmente una rubrica sui bias, è autrice di articoli per riviste organizzative ed è co-autrice, insieme a Giovanna Prina, Simona Mirano, Francesca Cedri di BB7 del gioco di carte INSIDIAE sui bias.

Lavora in inglese, francese, italiano con clienti internazionali e vive in Francia.