Salta al contenuto principale

Il coraggio di chiedere aiuto e superare le paure

Obiettivi

È più facile offrire aiuto che chiederlo. Offrire aiuto gratifica, fa sentire forti, utili e dà un senso al ruolo. Eppure, in situazioni instabili, incerte in cui vale più tentare che non rischiare, è richiesta molta cooperazione e solo la fiducia può consentire di lavorare in un ambiente confortevole in cui non solo si sente di poter imparare ma anche sperimentare e sbagliare.

Ma la fiducia la si ottiene se si impara a chiedere aiuto che è un atto di coraggio, perché significa venire a patti con le proprie insicurezze, fragilità e bisogni, mettendo a rischio l’immagine che si ha di sé e del proprio ruolo.

Chiedere aiuto è un importante strumento di lavoro, non solo perché chiarisce il fatto che da soli non possiamo fare tutto, ma anche perché rispetta le risorse dell’altro, le integra e avvalora. E mai come ora, c’è bisogno di manager che imparano l’arte del chiedere aiuto.

A chi è rivolto

Alcuni manager tendono ad accentrare, a temere che senza di loro tutto andrà male e a fare da sé. Il webinar si rivolge direttamente a tutti quei manager che faticano a lasciare andare, ad appoggiarsi agli altri e a concepire il chiedere aiuto come un asset della propria leadership.

 

I temi trattati

  • Primo atto di coraggio: osservare le proprie paure e non giudicarsi
  • Non si nasce coraggiosi né si può imparare dagli altri: il valore dell’esperienza e della sua narrazione
  • Cambiare nome ai propri errori
  • Come si chiede aiuto e sviluppa autorevolezza
  • Far sentire gli altri utili
  • Le leggi della cooperazione

DOCENTE

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, ha creato “Leading by heart”, progetto e metodo formativo per una leadership inclusiva che sa creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 al 2021 è stata membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e diretto il progetto Casa dei Saperi. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza di formatrice con i manager, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorno di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19 che le ha permesso di scrivere due libri: “Lingua, estetica della soglia” (Fefé editore 2021) e “Leadership di cura, dal controllo alle relazioni” (Vita e Pensiero 2021)